Bonus bebè 2013, come si ottiene e cosa cambia quest’anno

Bonus bebè 2013, come si ottiene e cosa cambia quest’anno

bonus bebè 2013

Bisognerà attendere il mese di maggio per avere delle informazioni più dettagliate sul bonus bebè targato 2013. E’ certo però che tante novità arriveranno a sconvolgere il contributo delle neo mamme italiane: il bonus bebè avrà un importo inferiore a quello degli anni precedenti, a causa dei fondi tagliati, e non consisterà più in una somma di denaro ma nel pagamento di una baby sitter o dell’asilo nido per il nuovo nato. Vediamo oggi tutte come si ottiene e cosa cambia per il bonus bebè 2013.

Guardando allo scorso anno, sappiamo che il bonus bebè era erogato tenendo conto della soglia di reddito e della regione di residenza del richiedente; il contributo era pari a 500 euro.

Ma le cose oggi stanno per cambiare: il nuovo bonus bebè per le mamme lavoratici è previsto dal decreto del ministero del lavoro del 22 dicembre 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 37 del 13 febbraio 2013.

Oggi le cose si avviano verso una nuova direzione: innanzitutto la richiesta per ottenere il bonus bebè dovrà essere inoltrata solo via internet in una data ancora da definirsi e che dovrebbe essere il più presto comunicata. Ma a cambiare sarà anche l’ammontare del bonus: dai 500 euro dello scorso anno si passerà ad un contributo erogato non sottoforma di denaro ma mediante il pagamento di una baby sitter o dell’asilo nido per il nuovo nato.

Per quest’anno, dunque, non si potrà parlare di un bonus in denaro ma esclusivamente del pagamento di una baby sitter, o in alternativa dell’asilo nido per il nuovo nato. Il bonus potrà dunque essere sfruttato per un massimo di 6 mesi durante il primo anno di vita dl bambino e ha un importo di 300 euro al mese.

Ma le novità non sono ancora finite. Ad ottenere il Bonus bebè potranno essere solo coloro che per primi inoltreranno la domanda, dato il taglio che è stato applicato ai fondi a disposizione.

Per chi volesse richiedere il bonus bebè, è bene sapere che non è ancora possibile inoltrare il modulo con la richiesta. Questa in ogni caso, potrà essere effettuata soltanto via web e soltanto in un determinato giorno chiamato “click day” che però non è ancora stato reso noto (probabilmente a maggio). Non sarà quindi necessario recarsi presso gli sportelli comunali o presso l’assistenza sociale del proprio comune: basterà un semplice click da casa, ricordando che avranno la precedenza, come sempre, le famiglie con un Isee più basso; a parità di Isee otterrà il bonus chi ha presentato prima la domanda.

Bisogna poi tener presente che per avere accesso al Bonus Bebè 2013, bisognerà rinunciare al congedo di maternità facoltativo; la somma mensile verrà versata soltanto se si potrà dimostrare che il bambino frequenti un asilo nido o sia affidato alle cure di una baby sitter.

Più che di un Bonus Bebè, c’è già chi parla di un “bonus baby sitter“; bisognerà ora attendere ulteriori novità per capire se le neo mamme potranno dirsi soddisfatte delle molteplici novità introdotte.

562

Segui NanoPress

Gio 28/02/2013 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Spano erika 16 maggio 2013 23:41

io sono del parere che i soldi vanno dati ha chi non ha lavoro perche chi ha il lavoro torna a lavorare prende lo stipendio e si paga una beby sittter o l asilo nido invece chi non lavora ne ha bisogno per fare vivere i propri bimbi appena nati grazie per avermi ascoltata pero non deludete le mamme che non lavorano

Rispondi Segnala abuso
Natali 31 agosto 2013 19:09

Non l’ho parole! Che paese di m…..!

Rispondi Segnala abuso
Edera 8 novembre 2013 15:52

io ho 20 anni e nn lavoro nn o marito e ancora soldi nn li o visti quelli che lavora o visto che li prendono questa nn e vita

Rispondi Segnala abuso
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress News, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n°3 314/08