Modello Unico 2013: scadenza presentazioni e istruzioni per il mudulo

Modello Unico 2013: scadenza presentazioni e istruzioni per il mudulo
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Modello Unico 2013 scadenze e istruzioni

Oggi, 30 settembre 2013, è il termine ultimo previsto per la presentazione del modello Unico 2013 PF o Unico Mini PF 2013, previsto per tutti quei contribuenti che avevano la possibilità di dichiarare a posta entro il 1° luglio 2013. Stando alla normativa vigente, può esser considerato valido se presentato con un ritardo non superiore a 90 giorni, salva l’applicazione delle sanzioni previste. Vediamo insieme la scadenza prevista per la presentazione del modulo e le istruzioni per la relativa compilazione.

Oggi, 30 settembre 2013, scade il termine per corrispondere il pagamento della quinta rata, che è dovuta dalle persone fisiche (fatta eccezione per i superminimi con il forfait del 5%) e dai soggetti collettivi estranei agli studi di settore, non titolari di partita Iva, che nella dichiarazione dei redditi per il 2012, modello Unico 2013, hanno scelto di pagare a rate una o più delle somme dovute a saldo per il 2012 e a titolo di acconto per il 2013, pagando la prima rata entro il 17 giugno 2013. Ricordiamo che la quinta rata deve essere aumentata dell’1,13% a titolo di interessi.

Vediamo in cosa consiste il Modello Unico 2013 e le relative istruzioni per la presentazione e la compilazione.

Il modello Unico persone fisiche, noto anche come modello unificato compensativo, è lo strumento a cui fanno riferimento tutti i contribuenti italiani tenuti a presentare al Fisco la propria dichiarazione dei redditi. Scopriamo tutti i dettagli del modello Unico 2013, scadenze, istruzioni e chi è tenuto a presentarlo. Oltre al modello Unico ci sono anche altri strumenti come il modello 730, ma il modello Unico può essere ritenuto il modello più completo dal momento che permette di effettuare più dichiarazioni fiscali allo stesso tempo.

Clicca sui link per scaricare i fascicoli del Modello Unico 2013 e le relative istruzioni

Possiamo prima di tutto premettere che chi volesse presentare la propria dichiarazione dei redditi attraverso il modello Unico è tenuto a compilare il modello F24 in tutte le sue parti; quindi è tenuto a calcolare i versamenti da effettuare, effettuare i versamenti come risultanti dal calcolo e infine presentare la dichiarazione direttamente in via telematica, salvo alcuni casi specifici in cui è necessaria la presentazione in versione cartacea in posta.

Modello Unico 2013: chi lo deve presentare
Il modello Unico, anche per l’edizione 2013, interessa ogni contribuente persona fisica che debba presentare anche un’ulteriore dichiarazione (Iva, Irap, Modello 770 ordinario e semplificato) e che percepisca le seguenti tipologie di reddito: redditi d’impresa (ad esempio partecipazioni in società); redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita IVA; redditi diversi non compresi tra quelli indicati nel quadro D, rigo D4 del modello 730 (come i redditi da cessioni di azienda).
Detto questo, bisogna però aggiungere che il modello Unico va presentato anche se:

  • il contribuente non è stato residente in Italia nei due anni precedenti l’anno in cui viene presentata la dichiarazione;
  • il contribuente percepisce redditi di lavoro dipendente solo da datori di lavoro non obbligati ad effettuare ritenute d’acconto;
  • ha realizzato plusvalenze da cessione di partecipazioni qualificate o debba presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti.

Diverso invece il caso dei contribuenti che abbiano un contratto di lavoro a tempo indeterminato, il cui rapporto, al momento della presentazione della dichiarazione, è cessato: tali contribuenti, privi di sostituto di imposta, pur avendo i requisiti per presentare il 730, devono compilare Unico, a meno che non si conoscano i dati di un nuovo sostituto d’imposta che possa effettuare i conguagli.

Modello Unico 2013: la presentazione
I contribuenti sono obbligati alla presentazione telematica del modello Unico. Questa può essere effettuata direttamente, tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate oppure tramite intermediari abilitati (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.). Sono invece tenuti a presentare il modello Unico cartaceo i contribuenti che:

  • pur possedendo redditi dichiarabili con il 730, non possono presentare questo modello perché non hanno un datore di lavoro o non sono titolari di pensione (assenza di sostituto di imposta);
  • pur potendo presentare il 730, devono dichiarare redditi o comunicare dati tramite quadri del modello Unico: RM (redditi soggetti a tassazione separata e ad imposta sostitutiva, imposte su immobili e attività finanziarie all’estero), RT (plusvalenze di natura finanziaria), RW (investimenti all’estero e/o trasferimenti da, per e sull’estero), AC (comunicazione dell’amministratore di condominio);
  • devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti.

Ritornando alla presentazione telematica, questa può essere diretta o indiretta. Nel primo caso il modello Unico può essere trasmesso attraverso il servizio telematico Fisconline (necessita di un codice Pin, che va richiesto all’Agenzia delle Entrate) oppure attraverso il servizio telematico Entratel (solo se è tenuto a presentare il modello 770 in relazione a più di 20 soggetti). A dimostrare l’avvenuta presentazione interviene la comunicazione dell’Agenzia delle Entrate che attesta di aver ricevuto la dichiarazione. Nel caso invece della presentazione indiretta, questa avviene attraverso un intermediario abilitato e perchè la presentazione possa essere ritenuta certa, il contribuente deve farsi rilasciare una dichiarazione, datata e sottoscritta, con l’assunzione dell’impegno a trasmettere per via telematica i dati contenuti nel modello; l’originale della dichiarazione firmata dal contribuente e la comunicazione dell’Agenzia delle Entrate che ne attesta l’avvenuta ricezione, entro 30 giorni dal termine previsto per la presentazione.

1068

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Lun 30/09/2013 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress News, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n°3 314/08