Spesa alimentare: le famiglie sprecano 560 euro all’anno

Spesa alimentare: le famiglie sprecano 560 euro all’anno

spesa alimentare spreco

Il dato dell’Istat riguardante, in Italia, il 4,4% di famiglie che vivono in condizioni tali da non avere soldi a sufficienza per comprare il cibo necessario, si pone, invece, in netto contrasto con le cattive abitudini di molte famiglie che il cibo non solo ce l’hanno, anche in abbondanza, ma lo buttano spesso anche nella pattumiera.

Non a caso, la Coldiretti fa presente come le famiglie italiane in media buttino nel bidone ogni anno cibo per un valore pari a ben 560 euro; trattasi, nello specifico, degli avanzi del pranzo e della cena ma altrettanto spesso anche prodotti alimentari messi in frigorifero e mai consumati che, di conseguenza, scadono o vanno a male e finiscono nella pattumiera.

Ecco allora che molto spesso nel bidone finisce la frutta, magari comprata in quantità superiore al dovuto ed ai consumi consueti in famiglia, ma anche il pane, la pasta, gli affettati ed i latticini; l’Organizzazione degli agricoltori, tra l’altro, fa presente come i più spreconi siano i single, penalizzati non tanto e non sempre dalle cattive abitudini, ma dal fatto che spesso non si trovano formati di prodotti alimentari adeguati a chi a casa vive e mangia da solo.

In Italia, pur tuttavia, le famiglie a rischiare di patire la fame potrebbero essere di meno se i prodotti agro-alimentari, nel passaggio dal campo alla tavola, venissero venduti al giusto prezzo per i consumatori; la Coldiretti, infatti, ricorda come a fronte del crollo dei prezzi all’origine non c’è stata una corrispondente riduzione dei prezzi, in questi mesi, per i prodotti agro-alimentari presenti negli scaffali e nei banconi dei supermercati.

Immagine tratta da: www.mondoexpo.net

362

Fonte | Coldiretti

Segui NanoPress

Ven 09/10/2009 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08