Telecom: un’arma a doppio taglio

Telecom: un’arma a doppio taglio
  • Commenti (1)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

telefono

Aumenta la buonuscita già cospicua per i dirigenti Telecom che vanno in pensione, ma aumentano di fatto anche i disservizi a carico dei consumatori. Lo denuncia Federconsumatori in un comunicato stampa. Nell’occhio del ciclone, il Tfr milionario devoluto dalla società a “Carlo Buora e Riccardo Ruggiero, le cui buonuscite (si parla di qualche decina di milioni) sono state definite scandalose dal consigliere indipendente Luigi Zingales”.

Ma Telcom vanta altri due primati. “In questo ultimo anno” sottolinea Federconsumatori “le proteste degli utenti sono raddoppiate , cosi come le richieste di risarcimento per disservizi di tutti i tipi, che spesso si traducono in bollette molto salate”.

Il secondo, è un primato tristemente noto a chi aveva previsto una rapida liberalizzazione delle compagnie di telefonia fissa: “la verità” si legge nel comunicato “è che Telecom, che si trova in posizione largamente dominante nel settore della telefonia mobile ed è quasi monopolista in quella fissa, non ha interesse a investire soldi per migliorare la qualità dei servizi e per ridurre i costi agli utenti e premia i suoi dirigenti quando puntano ad accrescere le entrate, anche a danno dei cittadini!

Chi ha gestito la Telecom negli scorsi anni è responsabile, oltre che del peggioramento del servizio offerto alla clientela, che a volte si traduce in vere e proprie truffe, anche di aver stipulato dei “contratti paracadute” a molti manager in posizione chiave che consentono loro di diventare milionari in qualche anno avendo prodotto poco e male”.

348

Fonte | Federconsumatori

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Lun 28/04/2008 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Daria 24 febbraio 2010 20:07

Tanto la TELECOM, da azienda capitalista che è (tarata sui modelli statunitensi poi), deve necessariamente basarsi sulle truffe e sugli inganni…
Basta provare a capire la correlazione “prezzo-servizio” nelle loro indicazioni tariffarie per accorgersi dell’imbroglio strutturato a dovere contro il consumatore.
D’altronde in Italia i politici (quasi tutti criminali e mafiosi) gli hanno garantito il monopolio pressocché totale per 30 anni (come FIAT, ENEL, ALITALIA, FERROVIE, ecc.)!!!

Rispondi Segnala abuso
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress News, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n°3 314/08