Treni e aerei: emergenza rientra, restano i disagi

Treni e aerei: emergenza rientra, restano i disagi

aerei neve maltempo

Le temperature al Nord sono salite dai valori minimi in queste ultime ore e, anche se si aggira lo spettro di una nuova perturbazione, città come Milano sono riuscite ad uscire dalla morsa della neve e del ghiaccio. Ne consegue che anche il trasporto aereo e quello ferroviario stanno lentamente uscendo dalla situazione di emergenza, ma i disagi rimangono visto che ci sono ancora persone letteralmente accampate nelle sale d’attesa degli aeroporti.

E per quanto riguarda il trasporto ferroviario è scattato un vero e proprio “assalto ai treni” per poter tornare a casa o andare nei luoghi dove festeggiare il Natale; e non sono mancati in tal senso le tensioni, le lamentele e problemi di ordine pubblico.

Secondo la Federconsumatori, in riferimento al trasporto ferroviario, quanto avvenuto non è ammissibile in un Paese civile, specie dopo che il costo dei biglietti dei treni è stato aumentato; e nonostante i rincari, come si è visto, gli utenti continuano a pagare un servizio che rischia ripetutamente la paralisi come avvenuto stanotte sulle linee del trasporto ferroviario in Lombardia.

La Federconsumatori, tra l’altro, conscia comunque del fatto che in Italia la normativa è lacunosa, insufficiente e di certo non a vantaggio dell’utente finale, sta maturando l’idea di avviare, a partire dal prossimo anno, quando entrerà in vigore, una class action affinché da questa vera e propria odissea i passeggeri delle FS possano richiedere ed ottenere un giusto risarcimento.

Immagine tratta da: allposters.com

324

Segui NanoPress

Mer 23/12/2009 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08